Rassegna stampa campagna "Non è un paese per professionisti" - page 36

18 Febbraio 2015
Confprofessioni
(Confederazione italiana libere professioni) ha presentato nei giorni scorsi il
Manifesto del lavoro intellettuale – Il decalogo dei diritti negati”.
“Il lavoro autonomo e professionale è stato definitivamente affondato dal Governo Renzi.”
– si legge
nel comunicato stampa –
“Ogni giorno, a parole, la politica si riempie la bocca di competenze,
innovazione, capacità di “auto impiego”... ma nella realtà dei fatti si puniscono proprio i soggetti più
professionalizzati, innovativi e indipendenti: migliaia di giovani professionisti, partite Iva e freelance
che rischiano di scomparire dal mercato del lavoro”.
L’iniziativa, promossa da Confprofessioni, mira a mobilitare, con le loro associazioni, oltre 2,5 milioni
di professionisti e lavoratori autonomi, per elaborare proposte e soluzioni al fine di rilanciare un settore
economico centrale per lo sviluppo del Paese.
Questo il
decalogo dei diritti
dei professionisti:
1. hanno diritto di poter lavorare;
2. hanno diritto a un compenso equo;
3. hanno diritto alle tutele di welfare;
4. hanno diritto di poter andare in pensione;
5. hanno gli stessi diritti delle attività imprenditoriali;
6. hanno diritto a un prelievo fiscale e contributivo sostenibile;
7. hanno diritto a un credito accessibile;
8. hanno diritto di essere parte attiva del tessuto economico;
9. hanno diritto di difendere i propri interessi;
10. hanno diritto di contribuire allo sviluppo del Paese.
Vai al sito
.
1...,26,27,28,29,30,31,32,33,34,35 36
Powered by FlippingBook